ESTELLE FERMATA AL LARGO DELL’EGITTO! PRESIDIO DI SOLIDARIETA’ MARTEDI


MARTEDI 23 OTTOBRE >> ore 17
PRESIDIO DI SOLIDARIETA’ CON LA FREEDOM FLOTTILLA
PIAZZA REPUBBLICA

Oggi, sabato 20 ottobre, un gruppo di compagni del collettivo politico di scienze politiche e del CPA Fi-sud hanno volantinato il comunicato di freedom flottilla italia sui fatti di oggi, rilanciando il presidio di martedì.  Il volantinaggio si è svolto in zona centrale, soprattutto nel mercato di san Lorenzo, dove la componente araba e palestinese ha espresso il proprio appoggio alla freedom flottilla e la propria solidarietà agli attivisti arrestati.

DI SEGUITO IL COMUNICATO DIFFUSO DA freedom Flotilla Italia:

ALLE 10.20 DI OGGI 20 OTTOBRE, in acque internazionali a circa 17 miglia nautiche a nord di Arish, Egitto (secondo le ultime coordinate che sono riusciti a trasmetterci dalla nave,) navi da guerra israeliane circondando Estelle e dando il via all’assalto alla nave pacifica.
Navi da guerra israeliane abbordano il veliero Estelle, con su attivisti per i diritti umani e membri del parlamento di diverse nazionalità europee, diretto a Gaza in missione di pace.
Estelle è una nave disarmata, in missione umanitaria e di pace, con cargo ispezionato più volte, equipaggio con dichiarate intenzioni non violente, in rotta da acque internazionali direttamente in acque territoriali di Gaza. Non può in alcun modo costituire minaccia né per la sicurezza di Israele né per altri.
Il governo Israeliano poteva scegliere e doveva farla passare. Il governo israeliano non può addurre ragioni di sicurezza plausibili o avanzare competenze giuridiche territoriali sulla rotta di Estelle.
La missione umanitaria di Estelle consiste in un messaggio di pace ben preciso e doveroso: solidarietà con il popolo palestinese e basta con l’assedio di Gaza subito e per sempre.
La missione di pace di Estelle consiste nel chiedere giustizia per il popolo Palestinese, perfettamente in linea con le risoluzioni ONU e le dichiarazioni di tutte le associazioni umanitarie internazionali che denunciano da anni la gravità della situazione in cui è costretta a vivere la popolazione civile di Gaza sotto assedio.
Denunciamo l’ennesimo crimine di guerra del governo israeliano nei confronti di popolazione civile.
A nome delle migliaia di persone a bordo di Estelle, chiediamo la fine dell’assedio illegale di Gaza subito e per sempre e il rilascio immediato di tutti i pacifisti prelevati da Estelle con la forza e attualmente ostaggi delle autorità israeliane.

Gli attivisti a bordo di Estelle sono ora impossibilitati a continuare la loro missione, in quanto prelevati contro la loro volontà da Estelle e probabilmente condotti in centri di detenzione in Israele.

Messaggio preregistrato, di Marco Ramazzotti Stockel, rappresenta l’Italia a bordo di Estelle:

Ora spetta a noi portare avanti la missione dell’equipaggio di Estelle.

, , , , ,

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)