Comunicato sul corteo del 21 maggio 2011


Ieri un corteo di 1500 persone, organizzato da realtà studentesche, centri sociali, realtà politiche e sindacali cittadine ha sfilato per le strade fiorentine in solidarietà con le 22 persone sottoposte a misure cautelari nei giorni scorsi.

I 22 sono quasi tutti studenti, “rei” di aver partecipato attivamente alle manifestazioni del 2009-2010 contro la riforma Gelmini e per il diritto allo studio, contro l’apertura di Casapound, contro il progetto di un CIE in Toscana o la presenza dell’On. Santanchè al Polo di Novoli.

Durante il corteo, partito da piazza S.Marco, oltre alla solidarietà nei confronti dei compagni costretti ai domiciliari o agli obblighi di firma, sono stati attaccati striscioni e fatti interventi contro la privatizzazione della scuola e dell’università, contro il governo Berlusconi per le sue politiche antipopolari e la sua partecipazione alla nuova guerra imperislista contro la Libia.

In via Valfonda, alla sede degli industriali, è stato appeso uno striscione con scritto “Basta morti sul lavori. Padroni assassini”.

Il corteo si è concluso in piazza Bambini e Bambine di Beslan, davanti a Terra Futura, dove è stata portata la solidarietà di tutto il corteo alla tendopoli costruita nella mattinata da diverse realtà antirazziste fiorentine per porre la questione della tutela e dell’ospitalità di profughi e richiedenti asilo in questa città.

 

Il corteo ha dimostrato che quest’inchiesta non è solo un problema di coloro che oggi sono costretti ai domiciliari o sottoposti all’obbligo di firma, nè degli indagati o delle realtà di cui fanno parte, ma di tutti coloro che, in questi anni, hanno partecipato e sostenuto le lotte degli studenti, dei lavoratori, degli immigrati, contro lo scempio ambientale e che ritengono che diritti e libertà vadano difese, rispondendo alla repressione con il rafforzamento di quei legami che vogliono spezzare

Ieri un corteo di 1500 persone, organizzato da realtà studentesche,
centri sociali, realtà politiche e sindacali cittadine ha sfilato per le
strade fiorentine in solidarietà con le 22 persone sottoposte a misure
cautelari nei giorni scorsi.
I 22 sono quasi tutti studenti, “rei” di aver partecipato attivamente
alle manifestazioni del 2009-2010 contro la riforma Gelmini e per il
diritto allo studio, contro l’apertura di Casapound, contro il progetto
di un CIE in Toscana o la presenza dell’On. Santanchè al Polo di Novoli.
Durante il corteo, partito da piazza S.Marco, oltre alla solidarietà nei confronti dei compagni costretti ai domiciliari o agli obblighi di firma, sono stati attaccati striscioni e fatti interventi contro la privatizzazione della scuola e dell'università, contro il governo Berlusconi per le sue politiche antipopolari e la sua partecipazione alla nuova guerra imperislista contro la Libia.
In via Valfonda, alla sede degli industriali, è stato appeso uno striscione con scritto "Basta morti sul lavori. Padroni assassini".
Il corteo si è concluso in piazza Bambini e Bambine di Beslan, davanti
a Terra Futura, dove è stata portata la solidarietà di tutto il corteo
alla tendopoli costruita nella mattinata da diverse realtà antirazziste fiorentine per porre la questione
della tutela e dell'ospitalità di profughi e richiedenti asilo in questa
città.

Il corteo ha dimostrato che quest'inchiesta non è solo un problema di coloro che oggi
sono costretti ai domiciliari o sottoposti all’obbligo di firma, nè
degli indagati o delle realtà di cui fanno parte, ma di tutti coloro
che, in questi anni, hanno partecipato e sostenuto le lotte degli
studenti, dei lavoratori, degli immigrati, contro lo scempio ambientale
e che ritengono che diritti e libertà vadano difese, rispondendo alla
Ieri un corteo di 1500 persone, organizzato da realtà studentesche,

centri sociali, realtà politiche e sindacali cittadine ha sfilato per le

strade fiorentine in solidarietà con le 22 persone sottoposte a misure

cautelari nei giorni scorsi.

I 22 sono quasi tutti studenti, “rei” di aver partecipato attivamente

alle manifestazioni del 2009-2010 contro la riforma Gelmini e per il

diritto allo studio, contro l’apertura di Casapound, contro il progetto

di un CIE in Toscana o la presenza dell’On. Santanchè al Polo di Novoli.

Durante il corteo, partito da piazza S.Marco, oltre alla solidarietà nei confronti dei compagni costretti ai domiciliari o agli obblighi di firma, sono stati attaccati striscioni e fatti interventi contro la privatizzazione della scuola e dell'università, contro il governo Berlusconi per le sue politiche antipopolari e la sua partecipazione alla nuova guerra imperislista contro la Libia.

In via Valfonda, alla sede degli industriali, è stato appeso uno striscione con scritto "Basta morti sul lavori. Padroni assassini".

Il corteo si è concluso in piazza Bambini e Bambine di Beslan, davanti

a Terra Futura, dove è stata portata la solidarietà di tutto il corteo

alla tendopoli costruita nella mattinata da diverse realtà antirazziste fiorentine per porre la questione

della tutela e dell'ospitalità di profughi e richiedenti asilo in questa

città.

Il corteo ha dimostrato che quest'inchiesta non è solo un problema di coloro che oggi

sono costretti ai domiciliari o sottoposti all’obbligo di firma, nè

degli indagati o delle realtà di cui fanno parte, ma di tutti coloro

che, in questi anni, hanno partecipato e sostenuto le lotte degli

studenti, dei lavoratori, degli immigrati, contro lo scempio ambientale

e che ritengono che diritti e libertà vadano difese, rispondendo alla

repressione con il rafforzamento di quei legami che vogliono spezzare.

repressione con il rafforzamento di quei legami che vogliono spezzare.
  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)